Qualcuno lo aspetta sempre, qualcun altro non vede l’ora che finisca e i restanti approfittano del periodo per riempirsi di fritti e di dolci fatti dalle nonne.
Il Natale è in linea di tradizione una festività basata sulla vicinanza con i propri cari e sull’affetto, ma da ormai troppi anni è diventato l’emblema del consumismo.
Addobbi, cibo, decorazioni, altro cibo e infine, ma non meno importanti: i regali.
Può essere un piacevolissimo gesto da fare, ma anche una vera e propria spina del fianco da doversi togliere. Che si tratti di un parente, un amico, la/il propria/o ragazza/o, vicino di casa, collega, amico d’infanzia o un conoscente (il classico “amico di un amico” che vedi spesso) indovinare il regalo adatto sta diventando una vera impresa.
Rimanendo in tema, i regali sempre verdi si ripresentano ogni anno pronti a suscitare piacere o nei peggiori dei casi delusione:

PROFUMERIA
Il luogo di ritrovo sotto le feste per le persone disperate, ormai le case cosmetiche offrono ogni sorta di soluzione, ma c’è regalo e regalo.
Il più quotato è il set in scatola, lo si trova di tantissime composizioni, i primi contenevano esclusivamente bagno doccia e acqua profumata o crema corpo. Col tempo hanno iniziato ad arricchirsi ed oggi si possono trovare set per capelli, con candele, spugne particolari, scrub o set viso decisamente più originali dei primi citati. Attenzione poi al destinatario del regalo, se è una ragazza non regalatele un set trucchi da bambina e se è un uomo con una folta barba evitate i set rasatura.
(Attenzione, tenete sempre un occhio di riguardo sugli ingredienti dei cosmetici).

VESTIARIO
Un ambito ricco di possibilità, dove ognuno può dare prova dei propri gusti. È una fortuna quando si sa perfettamente il capo che desidera il destinatario, nei restanti casi o si punta ad un buono o qualcosa a sfondo natalizio (calze di flanella rosse, maglioni con renne, pigiami con fiocchi di neve ecc.). I primi potrebbero essere più versatili ed utili rispetto ai secondi, che rimarranno nell’armadio per 11 mesi all’anno.
I più audaci potranno regalare accessori ed indumenti particolari, con colori accesi e stampe.
(Qualche linea guida bisogna seguirla se si parla di animalier).

INTRATTENIMENTO
Il classico dei classici: i libri.
Ora disponibili anche in versione digitale sotto forma di Ebook, solitamente il testo può essere scelto a colpo sicuro oppure a luci spente, magari regalando un libro che si vuole consigliare alla persona cara.
(Valutare quindi se il destinatario sia proiettato più sul digitale per scegliere in alternativa abbonamenti a riviste, oppure più antico e legato alle pagine di un bel libro).

Ci possono essere tranquillamente altre macro-categorie di regali, la si prende con ironia, ma un pizzico di serietà non guasta, qualcuno potrebbe rimanere deluso del regalo ricevuto o come spesso accade riciclarlo.

E voi, siete stati entusiasti o insoddisfatti quest’anno?