C’è stata una chiara volontà politica di non darci altra possibilità.La decisione di dirottarci a Malta era pura propaganda politica che voleva trattare le persone come sacchi di patate. Salvini voleva solo il nostro scalpo.

 

Lo hanno sostenuto nel corso di una conferenza stampa a Lampedusa la portavoce di Mediterranea Alessandra Sciurba e il capo missione Erasmo Palazzotto, ribattendo a tutte le accuse del Viminale sulla vicenda della nave Alex.

 

Chi dice che quel gommone non era in difficoltà, dovrebbe venire a vedere con i suoi occhi: come si fa a essere così cinici?

 

 

Così la portavoce della Ong Mediterranea, Alessandra Sciurba, in conferenza stampa.

 

Il veliero Alex della Ong “Mediterranea”, con 41 migranti a bordo, ha forzato il blocco ed ha attraccato nel porto di Lampedusa. I migranti sono sbarcati, per effetto del sequestro penale della nave, mentre l’equipaggio e il capitano – come fa sapere il Viminale – sono indagati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

 

Insomma pare che nonostante il nostro diritto non sia basato sul “common law”, il quale attribuisce una rilevanza giuridica il caso precedente, le Ong stiano sfruttando tale principio per fare pressioni sul Governo Italiano. 

Malta ha deciso di negare alla nave Alan Kurdi dell’Ong tedesca “Sea Eye”, con 65 migranti a bordo, l’accesso alle acque territoriali.

Il governo ha incaricato le forze armate di “intraprendere le azioni appropriate se la nave dovesse entrare” entro le 12 miglia dall’arcipelago. La nave nella notte aveva deciso di fare rotta dalle acque al largo di Lampedusa verso Malta.

 

Tutto a spese di …