Sarebbe stata riaperta giovedì 7 novembre la libreria ‘Pecora elettrica’, a Centocelle, nel cuore della periferia romana.                                                                                                                                                                               

Le sue serrande si erano abbassate il 25 aprile 2018, quando la libreria era stata devastata da un rogo ad opera di ignoti. Ebbene, dopo mesi di lavori e ricostruzione, a un giorno dalla sua nuova apertura, la libreria Pecora elettrica è stata nuovamente incendiata.                                                                                                                               

Grazie alla solidarietà di amici e affezionati alla libreria, e insieme ad una campagna di crowdfunding, nel giro di un anno Pecora elettrica era risorta più bella e combattiva di prima. Oggi di tutto questo, non rimane quasi più niente, solo una vetrina rotta e l’odore del fumo. 

La Pecora elettrica non è soltanto una libreria, ma un vero e proprio centro di incontro e cultura dove si parla di migranti, fascismo, di altri mondi e culture. Uno spazio aperto a tutti, uno spazio di dialogo e confronto, basato sulla tolleranza.                                                                                                                                                

Ci puoi trovare la narrativa contemporanea, o libri per bambini, con particolare attenzione ai cataloghi delle piccole case editrici e indipendenti.                                                                                                                                                                             Si può sorseggiare caffè, ma anche thè indiano, o tisane provenienti dal Sud Africa. Dunque, un luogo in cui libri, arte, cultura e sapori del mondo si mescolano per dare vita ad una libreria che offre la possibilità di sognare. 

Chi ha dato fuoco alla libreria è nemico della cultura, perché la cultura fa paura. 

La cultura fa paura perché ti indica la strada della libertà, della scelta, ti insegna a pensare. La cultura distingue le verità dalle bugie. Infonde fiducia e dissipa l’odio. Coltiva le passioni e promuove il confronto. Diffonde uguaglianza e curiosità. Illumina le città e anima i quartieri.                                                      

Produce benessere e crea occupazione. Rafforza la democrazia e alimenta la partecipazione. Immagina il futuro, anche l’impossibile, e trasforma la società. 

Conoscenza, ricerca, istruzione pubblica, libri, teatro, musica, cinema, arte, creatività sono risorse fondamentali per liberarsi delle paure. La loro forza cresce se vivono in luoghi e spazi fisici, dove ci si incontra e si produce collaborazione, condivisione, immaginazione e libertà, confronto e spirito critico. 

Tutto ciò ha sempre contraddistinto la libreria Pecora elettrica, che certamente non riaprirà domani, ma verrà ricostruita e sarà ancora più accogliente e forte di prima.